Gli oli base dei lubrificanti

Quasi ogni lubrificante utilizzato negli impianti di oggi, inizia come un semplice olio di base.Infatti i lubrificanti sono costituiti per una percentuale che va dal 70 al 99% dagli oli base ottenuti dalla raffinazione del greggio e per il resto dagli additivi con cui sono miscelati.  L’American Petroleum Institute (API) ha classificato oli base in cinque categorie. I primi tre gruppi sono raffinati dal petrolio greggio. Oli base del gruppo IV sono oli completamente sintetici (polialfaolefine). Il gruppo V è per tutti gli altri oli base non compresi nei gruppi da I a IV.

Gruppo I

Gruppo I oli base hanno una quantità inferiore al 90 per cento di composti saturi, maggiore di 0,03 per cento di zolfo e con un indice di viscosità tra 80 a 120. Gli oli base del gruppo I sono raffinati ai solventi, un processo di raffinazione semplice. Questo è il motivo per cui sono gli oli base più conveniente sul mercato.

Gruppo II

Gli oli base del gruppo II hanno una quantità superiore al 90 per cento di saturi, meno dello 0,03 percento zolfo e un indice di viscosità di 80 a 120. Essi sono spesso fabbricati da hydrocracking, che è un processo più complesso di quello che viene utilizzato per gli oli base del gruppo I. Poiché tutte le molecole di idrocarburi di questi oli sono saturi, gli oli base del gruppo II hanno migliori proprietà antiossidazione. Hanno anche un colore più chiaro e costano di più rispetto agli oli base di gruppo I. Eppure gli oli base di gruppo II stanno diventando molto comuni oggi sul mercato e hanno un prezzo molto vicino a oli Gruppo I.

Gruppo III

Gli oli base di gruppo III una quantità superiore al 90 per cento di saturi, inferiore al 0,03 per cento di zolfo e hanno un indice di viscosità superiore a 120. Questi oli sono raffinati anche più degli oli base del gruppo II e in generale sono severamente idrocraccati (maggiore pressione e calore). Questo processo è progettato per realizzare un olio di base più pura. Anche se a base di petrolio greggio, oli base del gruppo III sono talvolta descritti come idrocarburi sintetici. Come gli oli base del gruppo II, questi oli stanno cominciando ad essere più utilizzati.

Gruppo IV

Oli base del gruppo IV sono polialfaolefine (PAO). Questi oli base sintetici sono realizzati attraverso un processo chiamato sintesi. Hanno un range di temperatura molto più ampio e sono l’ideale per l’utilizzo in condizioni di freddo estremo e applicazioni di alto calore.

Gruppo V

Oli base del gruppo V sono classificate come tutti gli altri oli di base, tra cui silicone, estere fosfato, polialchilenglicole (PAG), poliolestere, biolubes, ecc. Questi oli base sono a volte mescolati con altri oli base per migliorare le proprietà del petrolio. Un esempio potrebbe essere un olio compressore a base PAO che viene miscelato con un Polyolester. Gli esteri sono comuni oli di gruppo V utilizzati in diverse formulazioni di lubrificanti per migliorare le proprietà dell’olio base esistente. Gli esteri soffrono a temperature più elevate e forniscono detergenza superiore rispetto ad un olio base sintetico PAO, che a sua volta aumenta le ore di utilizzo.

Ricordate, a seconda di quale olio di base di si sceglie, basta assicurarsi che sia appropriato per l’applicazione, la gamma di temperature e le condizioni del vostro impianto.

giochi casino gratuiti